Home Cronaca

63enne freddato a Foggia: prova dello stub al figlio

96

Antonio Cavaliere è stato ucciso martedì sera, intorno alle ore 19.30, con tre colpi di arma da fuoco al collo e al volto. E’ successo a Foggia, in via Fiorello La Guardia. L’uomo aveva 63 anni e lavorava come artigiano. Sono stati alcuni passanti a notare il suo corpo privo di vita, riverso a terra in una pozza di sangue, e a chiamare i soccorsi. Sul luogo sono giunti anche i carabinieri della Squadra Mobile che stanno ancora indagando sulla vicenda per scoprire chi possa essere l’assassino di Cavaliere e il movente di una simile tragedia.

La polizia ha sottoposto il figlio della vittima alla prova dello stub, ossia il test che rileva la presenza di nitrati, possibili residui di uso di polvere da sparo, sulle mani o sui vestiti di una persona. Come ha spiegato la polizia, si tratta di un esame di rito e non significa che il ragazzo sia sospettato di essere l’assassino del padre, anche se, secondo alcune indiscrezioni, tra i due, negli ultimi tempi, i litigi fossero piuttosto frequenti.

Intanto gli inquirenti stanno indagando sulle frequentazioni e sulla vita privata di Antonio Cavaliere e hanno interrogato una decina di suoi amici e parenti. Nei prossimi giorni, su disposizione del Pubblico Ministero della Procura Foggia, verrà effettuata l’autopsia sul corpo.

JustNews.it è in vendita. Per informazioni info@justnews.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here