Home Cronaca

Bergamo, prostituta uccisa a calci e pugni: arrestato camionista

99

All’interno di un container, situato nei pressi di un casolare sul monte Bue, nel comune di Cene in provincia di Bergamo, è stato ritrovato ieri sera il corpo martoriato di una giovane donna. Si tratta di una prostituta di origini albanesi, aggredita a calci e pugni dal suo assassino, e poi abbandonata agonizzante in una zona poco frequentata. Nella notte, le forze dell’ordine hanno arrestato un uomo, accusato di omicidio volontario per aver ucciso la giovane prostituta.

Il suo nome è Isaia Schena, ha 37 anni, di professione fa il camionista ed è residente a Cene, il comune in provincia di Bergamo dove è avvenuta la tragedia. Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo e la ragazza si sarebbero appartati in una stradina di campagna per consumare un rapporto sessuale ma, per ragioni ancora sconosciute, Schena avrebbe perso la testa e l’avrebbe aggredita a calci e pugni, uccidendola.

Poi, dopo aver abbandonato il corpo in un container, si è allontanato con la sua automobile e ha fatto un incidente. E’ stato proprio questo evento a permettere agli inquirenti di dare il via alle indagini che hanno condotto al suo arresto con l’accusa di omicidio volontario.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here