Home Attualità

Colle: partono oggi le consultazioni

1118
L'altare della Patria (Fonte: pixabay.com)

Sono iniziate questa mattina alle 9.30 le consultazioni del premier Matteo Renzi con i maggiori partiti politici che risiedono nel Parlamento, che tra pochi giorni dovranno scegliere il nuovo Presidente della Repubblica, in seguito alle dimissioni di Giorgio Napolitano dal suo incarico il 14 gennaio, dopo nove anni di mandato. Le consultazioni avverranno tutte al Nazareno, proprio dove si trova la sede del Partito Democratico. In giornata, si è saputo che questa sera saranno presenti anche gli ex deputati del Movimento Cinque Stelle, cacciati nello scorse settimane da Grillo, ultimi i dieci che hanno ufficializzato oggi la propria uscita dal partito pentastellato.

Non sarà di certo una scelta facile, questa, a causa dei numerosi nomi che nei giorni scorsi hanno occupato le pagine dei giornali, spuntandone poi alcuni come i più papabili. Inoltre, pare sia sicuro ormai che sinistra e destra si accorderanno su un nome gradito a entrambi, per non rimanere bloccati in una situazione di stallo, come per altro è già successo alla seconda elezione di Napolitano. In quell’occasione, due anni fa, sembrava quasi certo che l’ex Presidente del Consiglio Romano Prodi avesse già lo studio pronto al Colle, ma il “tradimento” di 101 franchi tiratori ha spezzato il sogno del politico di sinistra.

Si era rafforzata in mattina al’ipotesi che il Ministro Padoan venisse proposto come possibile nome, ma lo stesso ha definito impensabile la cosa, in quanto come Ministro dell’Economia, ha già troppo da fare al Tesoro. Inoltre, sono stati esclusi tutti quei nomi che non rientrano nella politica italiana, dopo l’annuncio del premier che intendeva proporre un politico e non un tecnico.

Questa volta, invece, Renzi sembra convinto che non ci saranno tradimenti tra le fila della sinistra, anche da parte della minoranza democratica, che supporterà il premier votando un nome concordato e che aggrada anche loro. Sarà accettato anche da Forza Italia e da Silvio Berlusconi? A quanto pare dovrebbe essere così, credendo alle parole dell’ex Cavaliere e in accordo per il patto del Nazareno,  ma si sa, in politica “non si possono mettere i carri davanti ai buoi“.

di Alessandro Bovo

JustNews.it è in vendita. Per informazioni info@justnews.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here