CONDIVIDI

Mercoledì 28 gennaio alle 20.45 per i quarti di finale di coppa Italia 2014-2015 Parma-Juventus si affronteranno allo stadio Tardini. Il Parma sta attraversando un momento molto difficile, con il cambio di proprietà, i problemi finanziari, l’addio di Antonio Cassano e soprattutto l’ultimo posto in classifica che, a meno di un miracolo, la condanna l’anno prossimo al campionato cadetto.

Proprio per questo motivo Massimiliano Allegri ha detto nella conferenza stampa della vigilia della partita che una storica qualificazione in semifinale porterebbe una ventata di buon umore tra gli emiliani e la gara sarà tutt’altro che semplice. Il mister bianconero ha detto di avere tutta la rosa dei giocatori tranne Tevez e al posto di Gianluigi Buffon tra i pali ci sarà Storari.

Roberto Donadoni e tutto l’ambiente del Parma sono ancora scossi dell’addio di Antonio Cassano, tuttavia il mister ha detto di rispettare la sua scelta e di avere il dovere di mantenere coeso il gruppo. Contro la Juventus ha intenzione di inserire nuove forze e la vergogna nei confronti dei tifosi per gli scarsi risultati ottenuti è tanta.

Il Parma affronterà la partita contro la Juventus con grande dignità cercando di fare bella figura. Qualche anno fa il pronostico sarebbe stato ben diverso, ma oggi come oggi considerata la situazione attuale delle due squadre, con il Parma all’ultimo posto in classifica e la Juventus al primo con 40 punti in più, Parma-Juventus è una partita senza storia e le quote sono: segno uno 11,50, segno X 4,50, segno due 1,30.

Parma-Juventus diretta tv

La partita Parma-Juventus valida per i quarti di finale di coppa Italia 2014 2015 si potrà vedere in diretta tv su Raiuno, a partire dalle 20.30. La diretta audio si potrà seguire su Rai Radio uno dalle 20.40.

Parma-Juventus probabili formazioni

Parma (4-3-3): Mirante; Cassani, Costa, Paletta, Rispoli; Mauri, Lodi, Nocerino; Rodriguez, Varela, Palladino.
Juventus (4-3-1-2): Storari; Lichtsteiner, Bonucci, Ogbonna, Padoin; Pirlo, Vidal, Coman; Pereyra; Llorente, Morata.