Dopo La Teoria del tutto, candidato a 5 Oscar, tra cui Miglior Film, lo scrittore e produttore Anthony McCarter e Lisa Bruce hanno programmato l’inizio di una nuova produzione per il 2016: si tratta dell’ambizioso Darkest Hour, la cui sceneggiatura, acquisita dalla Working Title – la stessa casa che ha prodotto il film su Stephen Hawking – è stata scritta proprio da McCarter ed è basata sulla biografia di Winston Churchill.

In particolare, il film si focalizzerà sul 1940, momento cruciale della seconda guerra mondiale, quando Churchill era stato da poco nominato Primo Ministro ed era pressato per raggiungere un accordo con la Germania hitleriana, con il risultato di renderla schiava del Terzo Reich.

Per completare La Teoria del tutto ci sono voluti ben dieci anni, che sono valsi però a McCarter 82 milioni di incassi nel mondo (con appena 15 milioni di dollari di budget), 2 Golden Globe e 10 BAFTA.

Si brancola nel buio per quanto riguarda il regista e soprattutto il cast, poiché a interpretare Churchill dovrà essere un attore che gli assomigli.

«Vogliamo presentare un Churchill inedito», ha detto McCarter a Deadline, «un nuovo ritratto che mostra tutti i suoi famosi punti di forza ma che aggiunge anche nuove dimensioni, come ad esempio i grandi dubbi che lo affliggevano in privato, le angosce improvvise e la sua paura di fallire, una forza trainante spesso tralasciata da un progetto biografico.»

Nel frattempo, McCarter lavora sull’adattamento del libro di Nick Davies Hack Attack: The Inside Story of how the truth caught up with Rupert Murdoch per George Clooney.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here