Home Cinema

Deneuve, Binoche e Sagnier testimoni del conflitto familiare secondo Kore’eda

59

Una figlia tenta di ricongiungersi con la madre: un’attrice dalla vita piuttosto turbolenta, che non accetta di invecchiare. Questa in sintesi la storia sulla natura di un rapporto, da cui nasce “The Truth about Catherine“, nuovo lungometraggio di Hirokazu Kore’eda. Il regista e sceneggiatore giapponese, Palma d’oro al Festival di Cannesper “Shoplifters“, ritorna sul grande schermo con un racconto molto articolato sulla complessità delle relazioni familiari, avvalendosi di un trio tutto al femminile e tutto francese:Catherine Deneuve, Juliette Binoche e Ludivine Sagnier.

Una triade di linguaggi e stili diversi che s’inoltrano per mettere in scena i drammi e le contraddizioni dell’essere madre e figlia. Protagonista del film è una delle più grandi dive del cinema d’oltralpe, Catherine Deneuve, che nel film porta lo stesso nome ed è un’attrice un po avanti con l’età ma decisa a mettersi sempre in gioco. Per questo decide di girare un film di fantascienza, di una donna-icona che non invecchia mai, evidenziando la volontà di fermare il tempo che passa e rifiutarsi d’invecchiare. Un’ossessione che che influenza anche il suo ruolo di madre, che non riesce a gestire il ritorno in patria, della figlia Juliette (Juliette Binoche), la quale ha ancora un conto aperto con un passato che ritorna e fa male.

In sistema simbiotico e ambientale evocativo, fatto di atmosfere cupe e grigie, che ricordano il Viale del tramonto di Billy Wilder, si svolge e si consuma la storia di tre donne famose e molto diverse. Da una parte vi è la Deneuve, simbolo di femminilità ed eleganza fuori dalle norme dello star system; dall’altro la Binoche, con il suo fascino sensibile ed etereo. In mezzo vi è Ludivine Sagnier, già musa di grandi indipendenti come Ozon, Miller e Richet, prima di raggiungere la visibilità internazionale grazie al ruolo  The Young Pope di Paolo Sorrentino.

Un film poetico e disincantato che unisce espressività e carisma in una potente ed emozionante storia sui conflitti familiari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here