Home Cinema

Un nuovo Dracula al cinema: Dracula Untold

1118

dracula700x600Ha avuto tanti volti, tra i più noti della storia del cinema, e intere generazioni si sono appassionate alla sua efferatezza e alla sua crudeltà. È trascorso oltre un secolo da quando Bram Stoker gli ha dato vita nel suo romanzo più famoso, ma lui sembra proprio non volerne sapere di scomparire dall’immaginario collettivo e dalle icone della cultura di massa.

Dracula è tornato al cinema, questa volta con l’antefatto della leggenda, quello che Coppola aveva raccontato nell’incipit del suo Dracula di Bram Stoker. Un prologo che ora è stato ampliato per dare nuova linfa al personaggio, per mostrare gli aspetti più oscuri – e appunto non detti, mai raccontati – del principe dei vampiri. Un incrocio tra storia e finzione che si riallaccia al personaggio storico che aveva ispirato Stoker, quel Vlad III, Principe di Valacchia, che aveva combattuto contro gli Ottomani, anche se, com’è noto, lo scrittore irlandese, per la genesi del romanzo, si era rifatto a un episodio di cronaca.

Le trasposizioni di Dracula, o in genere dedicati al vampirismo, sono state tantissime, divise tra gli intenti commerciali e i film d’autore. Il primo fra tutti è Nosferatu – Il vampiro di Murnau del 1922, che non poté utilizzare il nome Dracula per problemi di diritti d’autore. Versione poi rifatta da Werner Herzog nel 1979 in Nosferatu – Il principe della notte, con un etereo Klaus Kinski, diabolicamente perfetto nel ruolo del conte, e Bruno Ganz in quello di Jonathan Harker.

Un altro celebre interprete del vampiro è stato Bela Lugosi, a cui i Bauhaus dedicarono Bela Lugosi’s dead, riapparso in scena ormai decadente accanto al peggior regista della storia, Ed Wood, come ha raccontato Tim Burton nel film con Johnny Depp.

Bela Lugosi ha interpretato Dracula per le produzioni della Universal. Christopher Lee, altro satanico attore, lo ha fatto invece per quelle della Hammer. E l’elenco potrebbe continuare ancora, fino ad arrivare ai film più moderni in cui il vampiro non ha un ruolo negativo ma è talmente affascinante da diventare un eroe romantico. È quello che accade in Intervista col vampiro e che poi è accaduto negli ultimi anni con la saga di Twilight, tanto amata dalle nuove generazioni.

Rispetto a tutte le trasposizioni del passato, Dracula Untold vuole riaprire un nuovo ciclo, proprio come era stato fatto da Christopher Nolan in Batman Begins. Così, ha detto Luke Evans, nuovo interprete del famigerato conte, Dracula è diventato un supereroe, il primo della storia. Quando non si sa più che cosa dire su un personaggio di cui già si sa tutto, bisogna fare luce anche sul suo passato. La genesi fornisce delle spiegazioni che una saga ordinaria non potrà mai dare, anche se il rischio di apparire scontati e prevedibili è molto forte. In questo caso si vuole far luce sulle cause scatenanti che hanno condotto Dracula a diventare il Signore delle Tenebre: si tratta dell’incontro con un vampiro e di un patto che ridisegna Dracula, trasformandolo da carnefice a vittima, da malvagio a eroe.

Una nuova interpretazione di una saga infinita, che sfrutta, inevitabilmente, il merchandising che ruota attorno al vampiro e al gusto per il macabro accentuato dalla ricorrenza di Ognissanti. Al cinema dal 30 ottobre.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here