Home Tech

Google presenta il nuovo display OLED: il futuro dei visori VR

131
google oled

La realtà virtuale non sarà mai più così vicina e palpabile: o forse no! Forse perché la strada spianata da Google verso la risoluzione dell’immagine va ben oltre la realtà immaginata.

Per ora possiamo parlare di una nuova rivoluzione digitale, guidata dal colosso con la presentazione del nuovo display OLED. Lo schermo rappresenta la collaborazione con uno dei maggiori produttori di schermi, lanciando l’ultima frontiera dell’immaginazione e un deciso salto evolutivo rispetto ai visori VR.

Dotato di una diagonale di 4,3 pollici a risoluzione molto elevata, OLED ha uno schermo con risoluzione pari a 18 Mpixel, oltre a una vasta gamma di potenziamenti.

Il display è stato realizzato in collaborazione con LG; si parla di un  prototipo talmente veloce che necessiterebbe di un hardware piuttosto potente, in grado di controllarlo in tutte le sue funzioni.

In linea generale, ogni singolo schermo con una risoluzione di 18 Mpixel con rapporto 16:9, dovrebbe avere una risoluzione di 5657 x 3182 pixel per ciascun occhio e una frequenza di aggiornamento di 120 Hz.

Se ci soffermiamo sul particolare che, ad esempio, il prossimo ‎‎HTC Vive Pro‎‎ e l’attuale ‎‎Samsung Odyssey sono entrambi realizzati montando gli schermi AMOLED da 3,5 pollici, possiamo già fare la differenza. Rispetto al rapporto di 120 Hz di OLED, qui abbiamo una risoluzione di 1440 x 1600 pixel, con una frequenza di aggiornamento di 90 Hz; non male potremmo dire!

Un singolo schermo da 18 Mpixel con rapporto 16:9 avrebbe invece una risoluzione di 5657 x 3182 pixel per ciascun occhio con frequenza di aggiornamento di 120 Hz.

Inoltre, per alleggerire il carico di lavoro, Google starebbe pensando al cosiddetto foveated rendering; ovvero una tecnica capace di monitorare il punto esatto di messa a fuoco degli occhi del giocatore, sfruttando il tracciamento dei movimenti dell’occhio umano. In questo modo non solo diventa più efficace renderizzare pienamente esclusivamente ciò che succede e si vede nell’area focalizzata, ma introduce un nuovo modello d’interazione fra l’uomo, la sua percezione e la macchina.

Il display OLED verrà presentato ufficialmente in occasione della Display Week che si terrà a Los Angeles, dal 22 al 24 maggio; nel frattempo però, si sono susseguite  voci che parlano anche di una possibile partnership con la Sharp per la realizzazione di un display OLED con risoluzione ancora maggiore; si parla  di 20 Mpixel,  da utilizzare con la stessa tecnologia di foveated rendering.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here