Home Cinema

Indomabile Al Pacino che, alla soglia degli ottant’anni, lavora con Scorsese e Tarantino

181

Sì, Al Pacino è un mito del Cinema, su questo non ci piove. Uno dei più grandi attori di tutti i tempi, e sfido chiunque a smentirmi e ad affermare il contrario. E peraltro sta dimostrando una longevità attoriale davvero invidiabile.

Un tempo, a sessant’anni si veniva considerati pensionabili. E questa regola non veniva applicata soltanto ai cosiddetti comuni mortali, ma anche alle stelle del Cinema. Pensiamo a Marlon Brando. A sessant’anni era già ampiamente obeso e distillava le sue apparizioni sul grande schermo, non offrendo quasi più niente in termini artistici, ma concedendosi al massimo in qualche cameo “di lusso”.

Oggi, invece gente come Al Pacino, che lo scorso 25 Aprile ha compiuto settantotto primavere, pare aver abolito dal suo vocabolario la parola pensionamento. Anzi, si dà anima e corpo, come fosse un giovincello in piene forze fisiche.

Sì, Al Pacino è in questi giorni protagonista di Paterno per la regia di Barry Levinson, da noi programmato su Sky, ruolo per il quale con tutta probabilità riceverà assai presto una candidatura agli Emmy Award, e lo vedremo prossimamente nel kolossal The Irishman di Martin Scorsese con Robert De Niro e Joe Pesci.

Ed è inoltre la prima volta che Al Pacino recita col maestro Scorsese. A 78 anni può finalmente dire di essere riuscito a coronare il sogno di essere uno dei protagonisti assoluti del regista di Quei bravi ragazzi.

E in più, come sappiamo, sta in questi giorni girando Once Upon a Time in Hollywood, assieme a Leonardo DiCaprio e Brad Pitt, sotto la scrupolosa direzione di un altro gigante del Cinema, vale a dire Quentin Tarantino.

Anche in questo caso, è la prima volta che Al Pacino gira un film con Tarantino.

Insomma, Al Pacino sta vivendo una seconda giovinezza artistica, impareggiabile, e poco importa che, ultimamente, abbia partecipato anche a film indegni della sua grandezza, come l’impresentabile Hangman.

Lui è un grandissimo, sempre più grande. Lunga vita ad Al!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here