CONDIVIDI

John Constantine è un personaggio affascinante. Creato da Alan Moore, Jamie Delano e Stephen Bissette nel lontano 1985 come comprimario della serie Swamp Thing, John è un investigatore dell’occulto dal passato e dal presente assai controverso. È il protagonista della serie a fumetti Hellblazer, pubblicata sotto l’etichetta di storie per adulti Vertigo.

Come si apprende da Deadline, anche il “buon” John Constantine si appresta a mettere piede sul piccolo schermo con una serie tutta dedicata alle sue indagini ad un passo dall’inferno.

Nato da una collaborazione fra Warner Bros Television e DC Comics, il progetto prenderà forma sul network NBC e vedrà coinvolti Daniel Cerone (produttore esecutivo di The Mentalist) e David S. Goyer, autore delle sceneggiature di Batman Begins e The Man of Steel.

Le storie fumettistiche di Constantine si caratterizzano per i loro toni cupi e per la vita estrema condotta dal protagonista. Per farsi un’idea, si legga la seguente citazione tratta da Abitudini Pericolose, storia pubblicata nel numero 41 di Hellblazer e appartenente al celebre ciclo scritto da Garth Ennis.

« I’m the one who steps from the shadows, all trenchcoat and cigarette and arrogance, ready to deal with the madness. Oh, I’ve got it all sewn up. I can save you. If it takes the last drop of your blood, I’ll drive your demons away. I’ll kick them in the bollocks and spit on them when they’re down and then I’ll be gone back into darkness, leaving only a nod and a wink and a wisecrack. I walk my path alone… who would walk with me? »

« Io sono quello che esce dall’ombra, strafigo e arrogante con soprabito e sigaretta, pronto ad affrontare la follia. Ah, penso io a tutto. Posso salvarvi. Dovesse anche costarvi fino all’ultima goccia del vostro sangue, scaccerò i vostri demoni. Li prenderò a calci nei coglioni. Sputerò loro addosso mentre sono a terra e poi sparirò di nuovo nell’ombra, lasciandomi dietro solo un cenno, una strizzata d’occhio e una battuta sagace. Cammino da solo… Chi mai vorrebbe camminare con me? »

 Un personaggio forte, dissacrante, a metà strada fra il bene e il male, ha già conosciuto nel 2005 una trasposizione cinematografica diretta da Francis Lawrence e in cui il ruolo di John era interpretato da Keanu Reeves. La pellicola si intitolava semplicemente Constantine. A otto anni di distanza arriva la serie televisiva che potrebbe consacrare definitivamente uno dei personaggi più ambigui e, per questo, più affascinanti che Alan Moore abbia mai creato.