bacio del cane

Fedele, affettuoso e considerato il migliore amico dell’uomo, il cane è l’animale domestico più amato da grandi e piccini. Chi ha un amico a quattro zampe, sa quanto condividere con lui la propria vita sia positivo per l’umore e per il proprio benessere psicologico. Ma secondo alcuni ricercatori americani le affettuosità di un cane farebbero bene anche al corpo umano, poiché ne rafforzerebbero il sistema immunitario.

Gli studiosi dell’Università dell’Arizona sono decisi a dimostrare come le “coccole” di questi animali possano avere degli effetti benefici sull’organismo umano e la capacità di aumentare le difese immunitarie. Per “coccole” si devono intendere le dimostrazioni d’affetto dei cani nei confronti delle persone a loro vicine, come le classiche “leccate”, che fanno tanto storcere il naso ad alcuni, poichè considerate poco igieniche, quanto piacere ad altri.

Come ha spiegato la dottoressa Kim Kelly, sarebbero i batteri contenuti all’interno dell’intestino del cane  ad avere un effetto probiotico, cioè la capacità di incrementare la produzione di batteri che fanno bene alla salute. L’azione benefica dei “baci” dei cani sulla salute dell’uomo sarebbe paragonabile a quella di un vasetto di yogurt che contiene fermenti probiotici, notoriamente utile per regolarizzare l’intestino e rinforzare le difese.

Quanto sostenuto dagli studiosi americani è, in realtà, ancora tutto da verificare. Sarà un esperimento, che coinvolgerà un campione di volontari, di età superiore ai 50 anni e messi a stretto contatto con un cane per un periodo di dodici settimane, a dimostrare se è vero che le affettuosità di questi animali domestici siano davvero salutari per l’organismo.

In attesa di sapere se veramente lo stretto contatto con questo animale possa rendere più forte il nostro sistema immunitario, ci basta ricordare che l’American Heart Association, basandosi su dati e pubblicazioni scientifiche, afferma che coloro i quali possiedono un cane sono più in salute perchè hanno un cuore più sano, un minor rischio di soffrire di pressione alta e colesterolo e un corpo più pronto a reagire alle situazioni stressanti.