CONDIVIDI

Con lo scoccare delle 21 (ore italiane) di ieri è arrivata la deadline Nba, concludendosi di fatto il mercato. In uno dei finali di mercato più concitati di sempre vediamo i maggiori affari conclusi.

Amar’e Stoudemire è ufficialmente un giocatore dei Dallas Mavericks. L’ex giocatore dei New York Knicks ha firmato un contratto al minimo salariale con i texani.

Kevin Garnett torna a casa. L’ormai ex stella dei Brooklyn Nets ritorna ai Minnesota Timberwolves in cambio di Thaddeus Young.

Miami (forse la regina del mercato) prende Goran e Zoran Dragic in cambio di Justin Hamilton, Danny Granger e due future prime scelte. Sempre Miami dirotta Norris Cole e Shawne Williams a New Orleans in cambio di John Salmons che va a Phoenix.

Detroit scambia il nostro Gigi Datome e Jonas Jerebko che vanno a Boston in cambio di Prince.

Scambio tra Sacramento Kings e Washington Wizards, Andre Miller va a Sacramento in cambio di Ramon Sessions.

New York sposta Pablo Prigioni a Houston in cambio di Alexey Shved e due seconde scelte.

Nella trade forse più intricata. Brandon Knight (Milwaukee) va ai Phoenix Suns, che acquistano anche Thornton e una prima scelta del 2016 dai Boston Celtics. Isaiah Thomas (Phoenix) si sposta a Boston, mentre Michael Carter-Williams (Philadelphia), Miles Plumlee e Tyler Ennis vanno ai Milwaukee Bucks, con Philadelphia che ottiene future scelte.

Infine i Detroit Pistons prendono Reggie Jackson (Oklahoma), mentre i Thunder ottengono Enes Kanter, Kyle Singler e Dj Augustine, con Kendrick Perkins che approda agli Utah Jazz.