Home Cinema

È morto a 82 anni il grande Burt Reynolds

16

Era nato l’11 Febbraio del 1936 in Michigan. Ed è morto ieri, 6 Settembre 2018 a Jupiter, in Florida.

Stiamo parlando di uno dei grandi duri per antonomasia di Hollywood e di un forte sex symbol degli anni settanta. Ovvero Burt Reynolds, che ci lascia a ottantadue anni mentre stava girando un film “profetico” in questo senso, proprio l’attesissimo Once Upon a Time in Hollywood del mitico Quentin Tarantino.

Sì, perché Burt era stato immensamente voluto da Tarantino per il suo film, incentrato sulle avventure di un attore (Leonardo DiCaprio) di serial western, proprio per essere omaggiato. Perché Reynolds iniziò la sua carriera nel mondo del Cinema in maniera parimenti simile al protagonista della sua nuova pellicola.

E pare che, non avendo potuto completare, per problemi di salute e naturalmente per la morte sopraggiunta, le riprese del film, purtroppo è stato cancellato dai credits e non lo vedremo in Once Upon a Time in Hollywood. Peccato davvero.

Reynolds, dopo queste piccole, grandi parti in western degli anni sessanta, s’impose con il bellissimo thriller di John Boorman, Un tranquillo weekend di paura e accrebbe la sua fama con Quella sporca ultima meta di Robert Aldrich. Diventando appunto un modello di virilità, e posando a petto nudo e villoso per famosi magazine statunitensi. Non rinunciando, per nessuna ragione al mondo, ai suoi nerissimi baffi, da lui perennemente esibiti sempre con charme e vanità.

Attore di alterne fortune, lo ricordiamo anche nella parte del pornografo in Boogie Nights di Paul Thomas Anderson.

Riposa in pace, Burt.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here