CONDIVIDI

Ai New York Knicks non bastano le ottime prestazioni di Carmelo Anthony (45 punti e 10 rimbalzi) e del nostro Andrea Bargnani (24 punti e 4 rimbalzi) per vincere contro gli Houston Rockets. Incassando in casa la quarta sconfitta di fila, i Knicks sono ancora in crisi di risultato, con una difesa poco solida e un attacco che viene sostenuto più per azioni personali che attraverso il collettivo. Nell’altra partita della notte, i Golden State Warriors grazie a un canestro allo scadere di Andre Iguodala si impongono  sugli Oklahoma City Thunder.

Houston Rockets – New York Knicks
Risultato finale: 109-106
Rockets: Harden 36 pts, Howard 15 rim, Lin 3 ast.
Knicks: Anthony 45 pts, Anthony 10 rim, Felton 7 ast.

 

Entrambe le squadre si affidano nei primi possessi alle giocate delle due stelle Anthony (Knicks) e Harden (Rockets), mentre i loro rispettivi compagni di squadra risultano essere molto imprecisi. Con l’ingresso in campo di Jeremy Lin e il giusto ritmo trovato da Patrick Beverly, i Rockets scappano con un parziale di 12-4, portando il vantaggio in doppia cifra, solo le belle giocate di Anthony e di un ottimo Bargnani in difesa, riportano in partita New York andando all’intervallo sul punteggio di 53-52. Dopo l’intervallo Houston continua a spingere con Harden fino al +8, ma il solito Anthony riporta a contatto New York, mentre Bargnani grazie alle sue triple porta in parità il match. Il finale è emozionante, sul punteggio di 107-104 per Houston, Anthony riesce a segnare un canestro con fallo dalla linea dei tre punti, producendo un possibile gioco da 4, la gioia del Madison Square Garden dura pochi secondi, infatti gli arbitri, riguardando il replay, decidono che il fallo sia avvenuto prima del tiro concedendo quindi solo 2 tiri liberi. La decisione presa dagli arbitri è giusta e decisiva, New York dopo aver mandato in lunetta Harden non ha più il tempo di rimontare, e il tentativo di JR Smith dalla lunga distanza non va a buon fine. Nonostante la sconfitta Andrea Bargnani si è distinto sia in attacco con 24 punti (6/9 da due, 3/3 da tre e 3/4 nei liberi) che in difesa, non facendosi intimidire da un avversario scomodo come Dwight Howard.

 

Nell’altra partita:

Oklahoma City Thunder – Golden State Warriors
Risultato finale: 115-116
Thunder: Westbrook 31 pts, Ibaka 13 rim, Durant 8 ast.
Warriors: Thompson 27 pts, Bogut 7 rim, Iguodala 9 ast.