Home Cinema

“Un Po di cinema” a Milano, dall’11 al 19 novembre

707

ossessione1Per tutti gli amanti dei classici italiani d’autore, a Milano, dall’11 al 19 novembre, presso il Museo Interattivo del Cinema (MIC), si terrà una rassegna intitolata Un Po di cinema, a cura della Fondazione Cineteca Italiana. Il tema comune dei film in programma sarà il Po, uno scenario che ha fatto da cornice ad alcune tra le più significative pellicole del nostro cinema.

In particolare, saranno proiettati Lungo il fiume (1991) e Centochiodi (2007) di Ermanno Olmi; Il grido (1957) di Michelangelo Antonioni; Notte Italiana (1987) di Carlo Mazzacurati; Scano Boa – Violenza sul fiume (1961) di Renato Dall’Ara; La donna del fiume (1954) di Mario Soldati; La casa dalle finestre che ridono (1976) di Pupi Avati; e Ossessione (1943) di Luchino Visconti.

Un viaggio, quindi, che copre oltre sessant’anni di cinema italiano, in cui alcuni dei più importanti tra i nostri registi si sono cimentati nel raccontare il delta del Po, in maniera documentaristica, come nel caso di Lungo il fiume, o come semplice contesto narrativo.

Questi film d’autore saranno preceduti da alcuni cortometraggi di Florestano Vancini, uno che non ha mai nascosto il proprio amore per la terra natale, soprattutto per il Po. I film di Vancini risalgono al 1955 ma sono stati restaurati dalla Cineteca di Milano, e sono: Una capanna sulla sabbia, Traghetti alla foce, Variazioni a Comacchio, Dove il Po scende e Palude operosa e Om ad Po.

Spazio, infine, anche ai documentari, con il recente Vento. L’Italia in bicicletta lungo il fiume Po di Paolo Casalis, un road movie su un viaggio di otto giorni in bicicletta lungo il Po per tutto il nord Italia, da Torino a Venezia.

Non poteva mancare uno spazio per il giornalista di Repubblica, Paolo Rumiz, uno che di viaggi se ne intende. A lui e al Po è dedicato il documentario di Alessandro Scillitani Il risveglio del fiume segreto: in viaggio sul Po con Paolo Rumiz (2012).

Per chi, insomma, non potrà spostarsi da una parte all’altra dell’Italia, queste proiezioni diventeranno un appuntamento imperdibile, capaci di coniugare l’estetica più alta del cinema italiano con le bellezze della natura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here