CONDIVIDI

E’ stata una brutta serata quella di ieri per la Barcaccia, la celebre opera di Bernini che si trova in Piazza di Spagna, a Roma. Difatti, gli ultrà olandesi non si sono risparmiati, ed oltre ad aver invaso di sporcizia la piazza, hanno urinato lungo le vie, costretto i negozianti e ristoratori a chiudere e arrecato danni significativi alla statua, fino all’arrivo del reparto celere della Polizia, la quale ha dovuto reagire violentemente per fermare il gruppo.

Forse con qualche birra di troppo in corpo, gli ultrà provenienti dalla terra dei papaveri hanno invaso Roma portando con loro un’euforia esagerata che è sfociata ben presto nella violenza verso la proprietà pubblica. I primi sopralluoghi di ieri sera e questa mattina alla Barcaccia hanno rivelato molti danni riportati in seguito a colpi di bottiglie, che rompendosi a contatto con il marmo, hanno lasciato delle cicatrici, quella più lunga misura addirittura 10 centimetri. Oltre a questi segni, una parte del marmo è stata proprio staccata, e anche se i restauratori il più delle volte fanno dei veri e propri miracoli, un’opera del genere non potrà più tornare come prima.

Dopo aver ristabilito l’ordine, oggi è il turno delle polemiche, già scoppiate da parte dei politici. Matteo Salvini accusa il sindaco di Roma Ignazio Marino di non saper gestire una città come la capitale e chiede le sue dimissioni. Questo invece attacca la prefettura e la questura, che non hanno inviato subito degli uomini per controllare gli ultrà. Beppe Grillo invece se la prende con Angelino Alfano, ricordando che non è la prima volta che in seguito a una partita si sono registrati atti del genere. Infine, il reparto celere non può che dare la colpa ai responsabili del disastro, ovvero i tifosi.

Ma chi pagherà i danni? Marino ha già annunciato che il Governo olandese dovrà rispondere di quanto avvenuto, ma la risposta da questo è stata che potrà semplicemente punire i colpevoli, ma non pagherà alcun risarcimento. Stessa risposta quasi anche dal Feyenoord, i cui dirigenti hanno specificato che loro sono responsabili dei tifosi solamente quando sono all’interno dello stadio, ma al di fuori sono indipendenti. Anche la questura ha detto la sua, affermando che se gli uomini della Polizia avessero reagito in altro modo, gli incidenti sarebbero stati più gravi e di altra entità.

Oltre 30 olandesi sono stati arrestati, e in mattinatà 19 sono stati processati per gli incidenti in Campo de Fiori.

di Alessandro Bovo