CONDIVIDI

Questa notte si riparte con Dallas contro Oklahoma e i Los Angeles Clippers che ospiteranno in casa i campioni in carica di San Antonio. Diamo un rapido sguardo all’andamento delle due conference con le squadre pronte al rush finale prima dei playoff.

EST: Nella Conference qualitativamente più scarsa domina Atlanta, che col suo gioco che ricorda molto quello di San Antonio (il coach Budenholzer è stato assistente di Gregg Popovich) e i suoi tiratori formidabili (Kyle Korver su tutti) si sta dimostrando la vera rivelazione di questa stagione Nba. Poco più indietro Toronto, Chicago e Washington che tra infortuni e rendimento altalenante di alcuni giocatori chiave (Derrick Rose per Chicago) stanno facendo più fatica del previsto. Cleveland sembra essere rinata e trascinata da Lebron James potrà essere una seria candidata alla finale. Infine negli ultimi posti disponibili per i playoff abbiamo: Milwaukee autentica mina vagamente grazie ai suoi giovani terribili fra cui spicca sicuramente il talento cristallino del greco Giannis Antetokounmpo, Charlotte e Miami che devono stare attente alla risalita di Brooklyn e soprattutto di Indiana che spera sempre nel rientro anticipato di Paul George. Fuori dai giochi sembra essere Detroit dopo il grave infortunio che terrà fermo per tutta la stagione il play Brandon Jennings.

OVEST: Qui la lotta è spietata con Golden State prima con merito grazie ad una difesa tra le migliori in Nba (99.6 punti subiti a partita) e le eccellenti prestazioni del duo Klay Thompson-Steph Curry con quest’ultimo serio candidato per il premio di Mvp. Al secondo posto troviamo Memphis squadra quasi imbattibile tra le mura amiche del FedExForum che fa dei suoi lunghi Zach Randolph e Marc Gasol l’arma vincente per tentare una sorprendente rincorsa al titolo. Molto equilibrio tra la terza e la settima posizione con Portland e gli Houston Rockets di James Harden (miglior marcatore della lega con 27.4 punti a partita) appaiate col record di 36 vinte e 17 perse, in quinta posizione Dallas che si è notevolmente rinforzata con gli arrivi di Rajon Rondo e di Amar’e Stoudemire (di quest’ultimo l’annuncio dovrebbe essere dato entro questa sera), Los Angeles sponda Clippers che ha in DeAndre Jordan (13.8 rimbalzi a partita con massimo stagionale di 27 toccato contro Dallas) una autentica macchina cattura rimbalzo, ma deve fare i conti con il rendimento a singhiozzo di Blake Griffin, e infine al settimo posto i campioni in carica di San Antonio, che complici diversi infortuni sono partiti col freno a mano tirato. A chiudere la griglia playoff c’è Phoenix che deve guardarsi dietro dalla rimonta degli Oklahoma Thunder di Kevin Durant e Russell Westbrook e i New Orleans Pelicans di Anthony Davis.

Classifiche delle Eastern e Western Conference:

Eastern ConferenceVPWestern ConferenceVP
1 Atlanta Hawks43111 Golden State Warriors429
2 Toronto Raptors36172 Memphis Grizzlies3914
3 Chicago Bulls34203 Portland Trail Blazers3617
4 Washington Wizards33214 Houston Rockets3617
5 Cleveland Cavaliers33225 Dallas Mavericks3619
6 Milwaukee Bucks30236 Los Angeles Clippers3519
7 Charlotte Hornets22307 San Antonio Spurs3419
8 Miami Heat22308 Phoenix Suns2925
Brooklyn Nets2131Oklahoma City Thunder2825
Boston Celtics2031New Orleans Pelicans2726
Detroit Pistons2133Denver Nuggets2033
Indiana Pacers2133Utah Jazz1934
Orlando Magic1739Sacramento Kings1834
Philadelphia 76ers1241Los Angeles Lakers1340
New York Knicks1043Minnesota Timberwolves1142