CONDIVIDI

A ostar wars - the force awakensltre un anno di distanza alla sua uscita, prevista per il 18 dicembre 2015, il settimo (ma non ultimo) episodio di Star Wars, The Force Awakens, “Il risveglio della forza”, fa già parlare di sé. Il film sarà diretto non più da George Lucas, che aveva prodotto la prima trilogia e diretto la seconda, ma da J.J. Abrams, autore anche della sceneggiatura. La casa di distribuzione sarà la Walt Disney Studios Motion Pictures, che ha acquisito i diritti dalla Lucas Film per 4,05 miliardi di dollari. Oltre al settimo episodio, la Disney potrà realizzare altri due sequel e gli spin-off, mentre la Marvel si occuperà del marketing.

sLe riprese, concluse ufficialmente il 3 novembre, alcune delle quali in Irlanda, daranno spazio, adesso, alla seconda fase, quella della post-produzione. Nel cast, alcuni ritorni, come quelli di Harrison Ford (Han Solo), Carrie Fisher (Leila), Mark Hamill (Luke Skywalker), Anthony Daniels (D-3Bo), Peter Mayhew (Chewbacca) e Kenny Baker (C1P8). Tra le new entry, John Boyega, Daisy Ridley, Adam Driver, Oscar Isaac, Andy Serkis, Domhnall Gleeson e Max von Sydow. Colonna sonora in mano, come sempre, a John Williams.

Anche se la trama è ancora top secret, alcune indiscrezioni sono già trapelate. La prima riguarda il presunto nuovo cattivo, un Sith, e la sua spada laser, che dovrebbe avere due sporgenze luminose ai lati dell’impugnatura.

Qualche notizia è circolata anche a proposito di Luke Skywalker, trent’anni dopo Il ritorno dello Jedi. Nel settimo episodio della serie, fa trapelare “Making Star Wars”, Luke Skywalker è diventato uno Jedi potentissimo ma, temendo di usare la Forza per motivi oscuri, proprio come aveva fatto suo padre, ha deciso di allontanarsi dalla società e di vivere in esilio. Luke indosserebbe un mantello, una maschera e una mano da cyborg. In altre parole sarebbe degno figlio di suo padre, Darth Fener.

Oltre a una terza trilogia, dunque, ci saranno degli spin-off, il primo dei quali dedicato allo Jedi Obi-Wan Kenobi. Per quest’ultimo, però, bisognerà aspettare due anni, visto che uscirà il 16 dicembre 2016.