Home Tech

The chinese dark side of the moon

21

Un micro satellite in orbita lunare: questa è la nuova frontiera della Cina post capitalistica. Dopo il lancio, lo scorso mese di maggio del satellite Queqiao, pare che la grande repubblica popolare sia ormai orientata alle grandi esplorazioni spaziali e comincerà con la luna, grazie ad un progetto chiamato Chang’e-4, previsto il prossimo dicembre. La missione dovrebbe essere finalizzata al trasporto di un lander ed un rover, da situare  verso il polo sud del satellite lunare.

Il nuovo satellite precursore, per le sue piccole dimensioni di una nuova generazione di sonde spaziali come la MarCO della NASA, sarà posizionato sul punto opposto all’orbita stazionaria di Lagrange-2 e funzionerà da relais per le comunicazioni tra la Terra ed il lato “oscuro” e nascosto della Luna. DA sottolineare che il lancio della scorsa primavera aveva portato in orbita, anche il microsatellite Longjiang-2,  dotato di una speciale fotocamera in grado di scattare, dalla sua orbita ellittica, una quantità importante di immagini scaricabili da chiunque sulla rete.

Il Longjiang-2 è un progetto sviluppato dagli studenti dell’Istituto di tecnologia di Harbin, nella provincia di Heilongjiang, con i suoi 47 kg, il minuscolo satellite, grazie al proprio sistema autonomo di propulsione, è in grado di rallentare e inserirsi direttamente nell’orbita lunare, mentre il satellite relais continua nella sua missione perlustrativa.

Grazie a questa velocità il microsatellite è riuscito a immortalare diverse immagini della Luna, di Marte, del Sole e altri corpi astrali, mentre i sistemi di trasmissione UHF hanno permesso praticamente a qualunque radio operatore, la possibilità di scaricare e decodificare i dati trasmessi a Terra.

E’ possibile avere ulteriori informazioni dettagliate riguardanti i requisiti tecnici e le modalità  specifiche, per riuscire  a captare i segnali dal satellite, riceverne i dati e decodificarli  in file e foto. SI consiglia di consultare la pagina https://amsat-uk.org/tag/lunar/ con questo topic nel forum di ARI di Fidenza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here