CONDIVIDI

Non è di certo uno che rimane fermo a guardare, Oliver Stone, di fronte ai principali eventi della storia americana. E così, dopo i vari Platoon, Nato il 4 luglio e JFK, il regista racconterà un altro caso controverso, la vicenda di Edward Snowden, ex tecnico informatico della CIA che nel 2013 aveva rivelato i programmi di sorveglianza di massa del governo americano.

Nel cast del film, che vede, tra gli altri, Shailene Woodley (Divergent) e Joseph Gordon-Leavitt (Inception, Lilcoln) nel ruolo di Snowden, ci sarà anche Timothy Olyphant (La città verrà distrutta all’alba, Sono il numero quattro), nei panni di un agente della CIA amico di Snowden.

Il film sarà basato su Time of the Octopus dell’avvocato Anatoly Kucherena, che aveva assistito Snowden sulla questione dell’asilo in Russia, e The Snowden Files: The Inside Story of the World’s most wanted man di Luke Hardin, giornalista del Guardian.

«Per me, Snowden è un eroe», ha detto Stone, «perché ha rivelato segreti che dovevamo conoscere e che gli Stati Uniti hanno ripetutamente violato il Quarto emendamento».

Oltre a Leavitt, Olyphant e Woodley, tra gli interpreti ci saranno anche Melissa Leo (Prisoners, Flight), nei panni di Laura Poitras, autrice del documentario “Citizenfour”; Tom Wilkinson (The Lone Ranger, Selma) e Zachary Quinto (Star Trek, Margin Call), rispettivamente Glenn Greenwald e Ewen MacAskill, reporter del Guardian.

Oliver Stone ha definito la storia di Snowden una delle più grandi della nostra epoca, una vera sfida. Le riprese si faranno a Monaco di Baviera.