Home Serie Tv

Unsolved: la nuova true crime story che “ti aspetti”

76
Unsolved
Unsolved

True crime alla riscossa; o almeno così dovrebbe essere se non fosse che, le variabili aleatorie, sul confine tra finzione e inchiesta, spesso travalicano lo spettacolo a cui ci ha abituati il linguaggio delle Serie TV. Almeno così sembrerebbe per la maggiora parte dei filoni che, al vecchio poliziesco, intrecciano anche storie e linguaggi più tecnici e misteriosi: come dimostra il successo di Law & Order American Crime Story.

Unsolved segue la scia delle sue sorelle maggiori, almeno dal punto di vista indiziario, attraverso un’accurata analisi cronostorica che precede e segue la morte violenta di due fra le più grandi figure del Rap: Tupac Shakur e The Notorious B.I.G.

La nuova serie, creata da Kyle Long è diretta da Anthony Hemingway, che a tal proposito, è stato co-produttore e regista della prima  e più fortunata stagione di American Crime Story, è una true crime di stampo prettamente antologico che, attraverso un ciclo di episodi, ricostruisce le indagini e il mistero intorno alla morte dei due famosissimi rapper: un tracciato narrativo ben definito che identifica la sua natura già nel sottotitolo di questa prima stagione: The Murders of Tupac and the Notorious B.I.G.

Il percorso narrativo e analitico del prodotto si dispiega su una linea ben precisa, sapientemente distribuita a livello di tensione, azione e rappresentazione scenica, con il risultato di “entusiasmare” profondamente il pubblico più eterogeneo, verso una serie di eventi che, per quanto possano sembrare lontani dal proprio mondo, in qualche modo entrano a far parte di esso.

C’è quel tipo di sensazionalismo emotivo, a metà strada tra, indagine e voyeurismo, che tanto piacque al pubblico incollato davanti alla vicenda di OJ Simpson, ma che alla fine ci deve lasciare una riflessione profonda sul confine tra virtù e spregiudicatezza; un connubio che riguarda i protagonisti, ma anche la società sobria e integerrima, che ignora ciò che avviene dall’altra parte della strada, antistante il proprio ufficio.

Unsolved segue un filone storico, non necessariamente lineare e gioca su tre piani temporali diversi: i momenti che precedono la morte dei due rapper; il momento in cui le vittime sono appena state uccise; la ripresa dell’indagine a dieci anni di distanza.

Non potrebbe essere altrimenti, dal momento che questa true crime  è incentrata su due dei casi criminal-giudiziari che negli States fecero più scalpore e suscitarono molta emozione. Questo perché la vita e le idee di The Notorious B.I.G., ma soprattutto di Tupac rappresentano un grande spaccato di cultura americana; se entrambi erano artisti di grandissimo rilievo commerciale, è vero che influenzarono molto il tessuto sociale e culturale della comunità afroamericana.

Questa tripartizione temporale riesce a dare alla serie un certo ritmo e una buona capacità di veicolare la prospettiva dello spettatore, lasciando anche il tempo per elaborare la complessità di un evento che, come tanti nella storia, ha avuto bisogno di tempo per essere metabolizzato.

Resta però il fatto che Unsolved metta in scena due vite unite e divise, in tre momenti diversi, all’interno di una medesima vicenda. In questo modo è possibile strutturare una visione complessiva e ricavarne un’analisi postuma e più lucida,specie in relazione alla diversità sociale e politica che divide  e caratterizza i tre periodi.

Questo tentativo, se da un lato guida la narrazione dal punto di vista indagatorio, dall’altro non riesce a destare la stessa tensione drammatica e l’interesse per lo specifico caso; la dimensione temporale si frantuma e la forza incalzante della narrazione ne risente.

Unsolved si muove in senso abbastanza tradizionale, evita di entrare troppo all’interno della vita dei personaggi, incentrandosi sulla vicenda poliziesca, ma così facendo cade nell’errore di rimanere troppo in superficie, rispetto alla vicenda di due personaggi, la cui musica e ideali, hanno influenzato una generazione.

JustNews.it è in vendita. Per informazioni info@justnews.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here