Home Serie Tv

The Walking Dead – S04E06

658

The Walking Dead 4×06
IN ORIGINALE: Live Bait, 17-11-2013 su AMC
IN ITALIANO: L’Esca, 18-11-2013 su Fox
REGIA: Michael Uppendahl
SCENEGGIATURA: Nichole Beattie

La sinossi che segue è relativa all’episodio in lingua originale, trasmesso il 17-11 sul canale statunitense AMC e in onda in Italia in queste ore. Sono presenti spoiler.

Sinossi della puntata:
Il governatore è tornato. Nei primi istanti facciamo un passo indietro, sino all’ultima puntata della terza stagione. L’assalto al penitenziario è fallito e Blake, “il Governatore”, compie una strage fra i superstiti dell’attacco. Gli unici a salvarsi sono Karen, che si nasconde sotto un’auto, Martinez e Schumpter, i quali si allontaneranno con lui.
Il mattino seguente, però, Blake si ritrova da solo. I suoi due uomini più fidati se ne sono andati, abbandonandolo, e a lui non resta più niente e nessuno. A bordo di un autotreno, Blake sfonda allora le porte di Woodbury e dà fuoco a quella che un tempo era la sua residenza. In sottofondo, sentiamo la sua voce: Blake racconta a una donna dei suoi ultimi giorni.

«Dove hai vissuto?», gli chiedono. «In una città. In un posto sicuro», risponde.
«E adesso cosa ne è stato di quel posto sicuro?», chiede allora la donna. «L’ha perso. L’uomo che comandava l’ha perso».
Nelle scene successive osserviamo un Blake stanco, trasandato, con la barba lunga e il passo incerto, intento a muoversi fra le strade di una cittadina. Gli zombie sono ovunque, ma non sembra curarsene.

Nota una bambina che lo osserva da una finestra di una palazzina e decide di addentrarsi nell’edificio. Conosciamo così Tara, un’adolescente che si spaccia per una poliziotta e che lo accoglie con un’arma in pugno. Con lei c’è Lily, la sorella maggiore, e Megan, figlia di quest’ultima. Il quarto membro della piccola famiglia è il padre delle due ragazze, gravemente ammalato di cancro.
Blake inizierà a rendersi utile, pur nascondendosi dietro un’apparente indifferenza. Dapprima, procurerà alla piccola Megan un gioco da tavolo. In seguito, su richiesta di Lily, si addentrerà in una vicina casa di riposo e prenderà con sé due bombole a ossigeno per il padre della donna.

Durante la notte, osserverà la fotografia che lo ritraeva un tempo, prima dell’Apocalisse, di Woodbury e di tutto il resto. Con lui c’erano la moglie e la figlia, che durante la terza stagione abbiamo scoperto essersi trasformata in un errante. La bimba, o ciò che era diventata, è stata per lungo tempo nascosta nella residenza del governatore a Woodbury, prima che Michonne la trovasse e la uccidesse. Blake cercherà di coprire il proprio volto per finire, nel corso dell’episodio, col dare fuoco all’intera fotografia. In un’altra scena, lo osserviamo parlare con la piccola Megan, che gli chiederà cos’è successo al suo occhio. «Volevo aiutare la mia gente», risponderà lui, «e ho finito col farmi male».
Successivamente, vediamo nuovamente Megan e Blake. Dalla scena precedente sono passati parecchi giorni. Blake è nuovamente sbarbato e indossa degli abiti puliti. È intento a spiegare alla bambina le regole del gioco degli scacchi mentre nella stanza accanto il padre sta per esalare l’ultimo respiro.

Le donne non sono a conoscenza del fatto che chiunque muoia si rialzi da errante e Blake dovrà intervenire, uccidendo il padre ormai zombie delle sorelle usando una bombola di ossigeno.
A quel punto, deciderà di andarsene. Lily gli chiederà di portarle con sé, di aiutarle a trovare un posto sicuro. Blake accetterà e lui e la donna diverranno più intimi.
Durante il viaggio, il loro furgone si guasterà e il gruppo si troverà a piedi e sotto l’assalto di una marea di erranti. Blake prenderà in braccio Megan e fuggirà fra i boschi, seguito da Lily e Tara. Per salvare la bambina, non esiterà a uccidere a mani nude tre zombie. È a quel punto che ricompare sulla scena Martinez, che intanto ha salvato Tara e Lily dall’assalto degli erranti.

JustNews.it è in vendita. Per informazioni info@justnews.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here