Home Cinema

Arriva Pixels, l’invasione dei videogiochi

1527

I terrestri ne vedrebbero delle belle se al posto dei soliti alieni umanoidi il pianeta fosse invaso dai videogiochi degli arcade anni Ottanta, quelli degli albori dell’informatica, quando non c’era ancora la PlayStation e la grafica era in 2D. Pixels, il prossimo film di Chris Columbus, in arrivo in Italia il 30 luglio 2015, parte proprio da questo presupposto.

Gli alieni scambiano un video-feed dei videogiochi come una dichiarazione di guerra e allora utilizzano le stesse armi che i terresti vorrebbero usare contro di loro. Ci saranno Donkey Kong, Pac-Man, Space Invaders, Centripede e tanti altri. A difendere la Terra non potranno che provvedere proprio gli smanettoni che all’epoca si dilettavano con i videogame; e così il presidente Will Cooper chiamerà il suo amico d’infanzia, campione di videogiochi, Sam Brenner, interpretato da Adam Sandler, accanto al quale ci saranno Peter Dinklage, Josh Gad, e Michelle Monaghan.

Basato sull’omonimo cortometraggio di Patrick Jean, Pixels, sceneggiato da Timothy Dowling e Tim Herlihy, arriverà negli USA il 24 luglio.

Per i nerd e per i nostalgici, questo film sarà una tappa obbligatoria, una commedia fantascientifica che richiama, in qualche modo, Ghostbusters e Mars Attacks. Seppur il tema dell’invasione aliena non sia ormai una novità e il cinema americano ne abbia abusato da quasi quarant’anni, a partire da Incontri ravvicinati del terzo tipo, Pixels può considerarsi non soltanto un’originale variante sul tema ma anche una metafora per rappresentare lo stretto rapporto tra l’uomo e la realtà virtuale, anche questo affrontato molte volte nei film hollywoodiani ma non in questi termini.

Non ci si potrà aspettare niente di emozionante, visto il prevedibile largo uso di effetti speciali, ma nell’era della PlayStation e della Xbox non può che far venire una certa nostalgia rivedere i videogiochi che hanno segnato l’infanzia o l’adolescenza della generazione degli anni Ottanta.

Il divertimento, insomma, sarà una garanzia, Pac-Man e company permettendo.