CONDIVIDI

L’ORECCHIO della Copiphora gorgonensis, una cavalletta verde che vive in Sudamerica, pur essendo lungo meno di un millimetro funziona in maniera molto simile all’orecchio umano. Questo insetto è in grado di riconoscere una vasta gamma di frequenze anche a lunga distanza. Per esempio riesce a distinguere il suono di un’altra cavalletta verde dagli ultrasuoni emessi da un pipistrello a caccia di insetti.

Gli orecchi della cavalletta verde si trovano sulle due zampe anteriori. Come l’orecchio umano, ricevono le onde sonore, le convertono e ne analizzano la frequenza. Ma all’interno dell’orecchio della cavalletta verde alcuni scienziati hanno scoperto un organo del tutto unico: la vescicola acustica, una cavità pressurizzata e piena di liquido la cui forma ricorda un palloncino allungato. Il segreto dell’udito sopraffino dell’insetto si trova proprio in questo organo che, benché molto più piccolo, svolge la stessa funzione della coclea dei mammiferi.

Daniel Robert, docente presso l’Università di Bristol ed esperto di nanotecnologie, afferma che questa scoperta permetterà di “mettere a punto apparecchi acustici bio-ispirati più piccoli e sensibili che mai”. I ricercatori ritengono anche che contribuirà allo sviluppo di una nuova generazione di tecnologie di ingegneria a ultrasuoni, compresi i sistemi di diagnostica per immagini.