Home Cinema

Addio a Rod Taylor, protagonista degli “Uccelli” di Hitchcock

919
Rod_Taylor

Se ne è andato a 84 anni, Rod Taylor, noto soprattutto per Gli uccelli di Alfred Hitchock, L’uomo che visse nel futuro e Il gigante. L’attore australiano, diventato una star di Hollywood nel corso degli anni Cinquanta e Sessanta, si è spento per un attacco cardiaco, a Los Angeles.

Taylor aveva recitato in oltre 50 film, l’ultimo dei quali era stato Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino, che gli aveva concesso un cameo nei panni di Winston Churchill.

Dopo gli esordi a teatro e al cinema in Australia, esordisce a Hollywood accanto a Bette Davis nel Favorito della grande regina (1955). Un ruolo minore che però gli permette di mettersi in mostra, tanto da far parte anche del Gigante (1956), affiancando, questa volta, James Dean, Rock Hudson ed Elisabeth Taylor. Ancora con Elisabeth Taylor nell’Albero della vita (1957), per poi trovare finalmente un ruolo da protagonista nell’Uomo che visse nel futuro (1960), tratto dal romanzo di H.G. Wells La macchina del tempo.

By movie studio (ebay) [Public domain], via Wikimedia Commons
By movie studio (ebay) [Public domain], via Wikimedia Commons
La consacrazione avviene però nel 1963, quando Rod Taylor veste i panni di Mitch Brenner negli Uccelli di Hitchock, uno dei tanti capolavori del maestro del brivido. Tra gli altri suoi film, non vanno dimenticati Il magnifico irlandese di John Ford, Zabriskie Point (1970) di Michelangelo Antonioni nonché alcune comparse nella Signora in giallo e in Walker Texas Ranger e il ruolo di doppiatore di Pongo nella Carica dei 101 (1961) della Walt Disney.

Oltre a essere stato un’icona virile negli anni Cinquanta, Rod Taylor aveva fondato anche una casa di produzione per telefilm, la Rodler Inc.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here