Home Attualità

Berlusconi assolto, ma non è ancora finita

1224

Ieri sera, dopo nove ore di consiglio, i giudici della Corte di Cassazione hanno deciso di confermare l’assoluzione di Silvio Berlusconi per il reato di prostituzione minorile e concussione. Dopo l’assoluzione in secondo grado, il ricorso alla Cassazione era l’ultimo passo per vedere la parola fine a questo processo, iniziato nel 2010, in quella serata in cui la ancora diciassettenne Ruby Rubacuori andò alla villa del senatore decaduto come escort.

Dopo cinque anni di processi e controversie, i giudici hanno confermato che l’ex Cavaliere della Repubblica non era a conoscenza dell’età della ragazza, mentre per la concussione il fatto non sussisteva. Può quindi tirare un sospiro di sollievo, avendo scampato una sentenza che sarebbe stata la più dura di tutti i processi avvenuti e che avverranno in futuro.

Chi mi risarcirà questi anni? E’ questa la domanda retorica che si fa ora Berlusconi, riferendosi a tutti i problemi che si sono susseguiti dall’inizio di questa storia. I soldi spesi per gli avvocati, i processi, la sua immagine rovinata da accuse gravi come la prostituzione minorile. E mentre a Palazzo Grazioli i fedelissimi festeggiano l’assoluzione, Silvio pensa a un ritorno in politica, dimenticando forse che la sua decadenza da senatore era stata data da un altro processo, ovvero quello Mediaset.

Poi, si deve chiarire che i guai giudiziari non sono finiti. A Napoli, prossimamente avrà luogo il processo per la compravendita dei senatori, che fece cadere il Governo Prodi, quando non ottenne la maggioranza alla Camera per alcuni voti. Inoltre, la storia Ruby non è ancora chiusa del tutto, in quanto rimane in piedi il sospetto che l’ex Presidente abbia pagato i testimoni affinchè negassero qualsiasi collegamento. Poi, un’inchiesta è aperta anche a Bari, per la stessa causa. Infine, deve ancora concludere un processo per il Lodo Mondadori e decidere quanti soldi cedere all’ex moglie Veronica Lario.

Queste però sono cause che forse andranno in prescrizione, e delle quali Silvio Berlusconi non si da tanta pena. Lo scoglio più grande è stato ormai superato. Tornerà forse in politica? Con lui presente, non si può mai dire.

di Alessandro Bovo