CONDIVIDI

Ok, chiamare l’incarnazione del Dottore interpretato da Matt Smith “Eleven” (Undici) è ormai superato. Come sappiamo, la numerazione ufficiale è cambiata dopo lo speciale The Day of the Doctor andato in onda qualche settimana fa. Ciononostante, Matt Smith è e resterà nell’immaginario dei fan del Dottore l’undicesimo.

Volendo essere pignoli, in questi giorni si è fatto un gran parlare circa la famigerata numerazione ufficiale. Quello che è certo, è che John Hurt – il cui Dottore è apparso nell’ultima puntata della settima stagione, The Name of the Doctor, e nello speciale per il cinquantesimo anniversario The Day of the Doctor – è il vero nono Dottore. Ne segue, quindi, che: Christopher Eccleston è il decimo, David Tennant l’undicesimo e Smith…

Riguardo Matt Smith, è ormai ufficializzato il fatto che Smith incarni il tredicesimo dottore, in quanto la controparte semi-umana del dottore vista in The Journey’s End, tredicesimo episodio della quarta stagione, conta a tutti gli effetti come rigenerazione.

Doctor_Who_-_An_Adventure_in_Space_and_Time_Poster

Torna in mente, dunque, una vecchia certezza: il dottore possiede in tutto tredici rigenerazioni. Cosa accadrà ora?

Numerologia a parte, Undici è e resterà ufficiosamente il bravissimo Matt Smith. Il  consueto speciale di Natale dal titolo The Time of the Doctor riporterà il Dottore sulle orme di una profezia che parlava espressamente de “La caduta dell’Undici”.

Sarà l’episodio di commiato per Matt Smith nonché un’altra occasione (dopo la fuggente nonché carismatica a mille apparizione nello speciale del cinquantesimo) per vedere all’opera il prossimo Dottore, Peter Capaldi.

Dello speciale, BBC ha diffuso il primo trailer ufficiale che trovate in calce a questo articolo. Dell’ottava stagione, che riprenderà il tema del “ritorno a casa” del Dottore anticipato in The Day of the Doctor, sono inoltre trapelate due info: la prima, la stagione prenderà il via in Agosto 2014; la seconda, la stagione sarà trasmessa per intero, senza alcun intervallo. In cabina di scrittura ci sarà ancora il buon (cattivo) Steven Moffat.

A tutti i fan del Dottore – nonché agli appassionati di storia della televisione – colgo l’occasione di consigliare la visione del lungometraggio An Adventure in Space and Time, nel quale vengono narrati i natali di un mito lungo cinquant’anni. Verremo “trasportati” nel 1966, dove ci verranno raccontate le fasi di ideazione e produzione di Doctor Who, nonché presentati William Hartnell (il primo Dottore, interpretato da David Bradley), Verity Lambert (storica produttrice della serie, impersonata da Jessica Raine), e  Waris Hussein (primo regista della serie, interpretato da Sacha Dhawan).

Scritto da Mark Gatiss e diretto da Terry McDonough, An Adventure in Space and Time è un omaggio ad un’icona, ma anche molto di più. Da vedere.