Home Tech

Scoperto il primo disegno rupestre della storia

84

La prima opera d’arte della storia ha 73mila anni. Scoperto nel sito preistorico di Blombos Cave, a 100 chilometri da Città del Capo in Sudafrica, il dipinto rupestre potrebbe essere attribuito a quello che noi consideriamo il nostro antenato; l’Homo sapiens.

A fare la sensazionale scoperta, il cui studio è stato pubblicato sulla rivista Nature, è stato un gruppo internazionale coordinato dalla University of Witwatersrand, di cui fa parte anche il Consiglio nazionale delle ricerche di Francia.

Composto da ben nove linee sottili e intrecciate, è realizzato con una matita color rosso ocra. Una prova di come i simboli abbiano sempre fatto parte della nostra cultura.
La pittura rupestre è costituita da nove linee sottili di colore rosso ocra, intrecciate fra loro, situato su un sasso di sabbia e ghiaia cementato superficialmente dalla silice.

La scoperta sembrerebbe aprire nuove frontiere nello studio sulla genetica dei primi uomini della storia, come “esseri” dotati di spirito creativo o una qualche forma d’intelligenza. Lo dimostrano i particolari simmetrici nel disegno i quali testimoniano la capacità, nonostante le disfunzioni genetiche celebrali dei primi uomini, di eseguire delle primigenie decorazioni, nonché sfruttare rudimentali combinazioni cromatiche.

I ricercatori in particolare si sono chiesti se questa potesse realmente essere opera di un essere umano e quali linee fossero invece già presenti sulla roccia. Per dare una risposta ai vari quesito, i reperti sono stati fotografati e analizzati all’Università di Bordeaux, grazie alla precisione che permette l’analisi compositiva del materiale; tra essi la spettroscopia Raman e il microscopio elettronico.

Dalle analisi è emerso che le linee erano state tracciate sopra la roccia, utilizzando la polvere d’ocra su pennello per provare diverse diluizioni con acqua. Comparando i disegni con quello originale al microscopio, essi hanno rivelato la punta color ocra, di una sorta di matita preistorica, su una superficie levigata.

Inoltre la decorazione sembrerebbe persino raffinata, poiché lo strato su cui è stata ritrovata, presenta alcune tracce della presenza di perline di conchiglia ricoperte di ocra e piccole incisioni sempre dello stesso colore.

Pur non essendo stato rilevato l’oggetto della raffigurazione, la ricerca testimonia il ruolo dei simboli dalla preistoria ai giorni nostri, attraverso varie modalità di espressione, dai graffiti ai tatuaggi contemporanei. L’età del disegno risalirebbe a circa 73 mila anni fa, smentendo la pretendente teoria che voleva che il primo disegno risalisse a circa 40mila anni fa, e che fosse collegato all’apparizione dell’Homo sapiens in Europa.

 

 

JustNews.it è in vendita. Per informazioni info@justnews.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here