Home Serie Tv

The Walking Dead

579

La redazione di JustNews ha deciso di dar vita ad un nuovo progetto. Abbiamo deciso di di seguire una Serie TV passo dopo passo con voi, accompagnandola con approfondimenti, opinioni e resoconti puntuali della serie in questione.

La scelta è ricaduta su una delle serie cult degli ultimi anni: The Walking Dead. Prima di avviare il progetto, però, è bene spendere qualche riga sulla serie, di cui seguiremo la quarta stagione.

Il Fumetto

Prima di essere una serie televisiva, The Walking Dead è un fumetto creato da Robert Kirkman e disegnato da Tony Moore e da Charlie Adlard. La pubblicazione ha inizio nell’Ottobre 2003 e prosegue tutt’ora. Negli Usa sono già usciti 115 albi.

La serie affronta un tema caro alla fantascienza sin dal celebre romanzo I Am the legend (Io sono Legenda, 1954) di Richard Matheson (anche se in quel caso gli zombie sono un ibrido, a metà fra lo zombie come lo conosciamo e il vampiro) e dal capolavoro cinematografico di George Romero Night of the Living Dead (La notte dei morti viventi, 1968): l’apocalisse.

In entrambe le opere citate (ma ne potrei elencare di altre, quali per esempio World War Z – La guerra mondiale degli zombie, romanzo di Max Brooks nel 2006 o la saga videoludica Resident Evil), l’umanità viene colpita da una piaga che trasforma l’uomo nel peggior incubo della propria specie. Nasce così la celeberrima figura dello zombie.

Nel fumetto di Kirkman ci viene mostrato il risveglio di Rick Grimes, agente di polizia entrato in coma a seguito di una ferita in uno scontro a fuoco. Tornato in sé, Rick si ritrova in un ospedale: solo e smarrito, assisterà alla sconcertante fine dell’umanità. I morti si rianimano e, in preda a una fame ferina, aggrediscono tutti coloro che incontrano. Dal morso di uno zombie arriva la morte, dopo la morte assisteremo al risveglio. Rick fuggirà dall’ospedale e si metterà alla ricerca della moglie, Lori, e del figlio, Carl, che nel frattempo sono fuggiti e si sono uniti ad un gruppo di superstiti che cerca in tutti i modi di sopravvivere.

La serie Tv

La serie televisiva, ideata da Frank Darabont e trasmessa da Amc, riprende esattamente l’inizio del fumetto, sino al ricongiungimento di Rick (interpretato da  Andrew Lincoln) con moglie e figlio (Lori è interpretata da Sarah Wayne Callies, Carl da Chandler Riggs). Da quel momento in poi, l’agente di polizia diverrà la guida del gruppo e lo condurrà attraverso una serie di peripezie, scontri e un mare di zombie.

Le due trame (quella del fumetto e quella della serie Tv) si discostano parecchio col passare del tempo, fino a godere, per così dire, di vita propria.

Il tratto comune, però, è un’attenzione maggiore verso i personaggi e le dinamiche di gruppo, lasciando ai zombie un ruolo per certi versi marginale. Dal punto di vista visivo, comunque, è da elogiare senz’altro il lavoro fatto dalla produzione: gli zombie sono tutti ben fatti e non mancano venature splatter che rendono merito al tema trattato.

Le prime tre stagioni

La produzione inizia nel 2010 e da allora sono state prodotte tre stagioni:

  • Nella prima, in onda nel 2010, ci vengono presentati alcuni dei personaggi chiave della serie: oltre a Rick, Lori e Carl abbiamo Glen (Steven Yeun), Daryl (Norman Reedus) e il fratello Merle (Michael Rooker), Andrea (Laurie Holden), Carol (Melissa McBride) e Shane (Jon Bernthal), amico e collega di Rick nel mondo ante-apocalisse, amante di Lori in ciò che è seguito. La prima stagione dura sei puntate e si concentra sulla creazione del gruppo e sulle difficoltà di vivere in un mondo che sta morendo: il gruppo conoscerà la gioia del ricongiungimento e il dolore della perdita, la speranza riposta in una cura e il duro impatto con una cruda realtà;
  • Nella seconda stagione (13 le puntate) il gruppo è ancora in marcia. La fame, la paura, spingono Rick e compagnia lontano dalle città. Ed è in una zona di campagna che accadono due eventi che segneranno pesantemente le vite dei protagonisti: Il primo è la sparizione della figlia di Carol, la piccola Sophia, il secondo il ferimento del piccolo Carl ad opera di un cacciatore. Il gruppo farà la conoscenza di Hershel Greene (Scott Wilson), veterinario e fermo sostenitore del fatto che gli zombie siano volontà divina, che accoglierà il gruppo e si offrirà di curare il piccolo Carl fino a quando non saranno concluse le ricerche di Sophia, ricerche che si concluderanno con un’amara rivelazione: Sophia è morta e la sua sorte è la stessa toccata a tutti gli altri cadaveri. La seconda stagione è forse la più riuscita sotto il profilo delle atmosfere, della drammaticità e della caratterizzazione dei personaggi. A far da sfondo alla ricerca della piccola Sophia, il conflitto fra Rick e Shane che si concluderà con la morte di quest’ultimo e un’atroce rivelazione: sono tutti infetti. Non serve che gli zombie mordano un uomo affinché egli si trasformi: come nel caso di Shane, la morte attiva in ogni caso il virus e trasforma la vittima in un errante;
  • La terza stagione (16 puntate) prosegue da dove la seconda si conclude. In seguito ad un attacco, il gruppo è diviso, in fuga e spaventato. Manca il cibo e la leadership di Rick appare sempre meno salda. A complicare le cose, la gravidanza di Lori. Mentre il gruppo trova rifugio in un vecchio penitenziario, Andrea – separatasi dal gruppo – raggiunge la cittadina di Woodbury accompagnata da Michonne (Danai Gurira). Woodbury è una cittadina che si è dotata di mura e di un sistema di sicurezza efficiente che le ha permesso di sopravvivere all’apocalisse. A capo della città c’è Philip Blake, meglio noto come il Governatore (David Morrissey). Quest’ultimo tiene in pugno l’intera città considerando ogni elemento estraneo a essa come una minaccia alla sua leadership e alla sopravvivenza della comunità di cui è a capo. Col tempo, si scoprirà che dietro Woodbury e la figura del governatore si nascondono una serie di manie, perversioni e brutalità che verranno rivelate quando il Governatore e Rick entreranno in conflitto fra loro. Nella prigione, intanto, Lori morirà di parto e la piccola Judith (questo il nome della neonata) verrà affidata alle cure di Beth (Emily Kinney), la più giovane delle figlie di Herschel. Il conflitto col Governatore verrà risolto in una serie di scontri in cui perderanno la vita Andrea e Merle. Col Governatore in fuga e un Rick che si costringe a farsi forza per il bene dei figli, la terza stagione si chiude con la caduta di Woodbury e i suoi fuggiaschi che vengono accolti all’interno del penitenziario.

Della quarta stagione ne parleremo poco per volta, accompagnandovi nella visione. Restate sintonizzati con noi.

Trailer dell’ultima stagione attualmente in onda:

 

JustNews.it è in vendita. Per informazioni info@justnews.it